Notice: This page is available for archival purposes only. Information contained herein may be out of date.

Morte di Ataollah Taefik Khalili in Afghanistan

L’AIIC – l’Associazione Internazionale degli Interpreti di Conferenza – deplora la morte di Ataollah Taefik Khalali, un interprete ucciso insieme a due membri della Guardia Civil spagnola in un recente scontro a fuoco in Afghanistan. L’AIIC tiene ad esprimere le più sincere condoglianze alle famiglie di tutte le vittime coinvolte.

I media hanno giustamente dato ampia copertura ai meriti professionali delle Guardie Civili decedute. Poco invece si è parlato di Ataollah Taefik Khalili e nulla è stato detto a proposito della sua relazione contrattuale con il Corpo di Polizia militare spagnolo, né della formazione che gli sarebbe stata data per affrontare missioni ad alto rischio come quella in cui ha perso la vita. Le tre vittime sono state insignite di una medaglia al valore militare, ma solo le guardie civili hanno avuto diritto ad un minuto di silenzio in segno di lutto  nazionale.

Le famiglie delle guardie civili otterranno il risarcimento che meritano in funzione delle norme in vigore nel loro paese, ma nulla si sa del risarcimento, o assenza di esso, da attribuire alla famiglia dell’interprete.

Non esistono norme che proteggano gli interpreti che muoiono o sono feriti nell’esercizio delle loro funzioni né nell’ordinamento spagnolo né in nessun accordo internazionale – una lacuna che l’Associazione Internazionale degli Interpreti di Conferenza (AIIC) si augura possa essere colmata.

Accettare che  gli onori riservati agli interpreti o ai civili in generale che muoiono in servizio siano assoggettati alla discrezione dei governi equivale ad aprire la porta a decisioni non necessariamente basate su criteri di chiarezza, trasparenza ed equità.

L’AIIC esprime preoccupazione per i molti interpreti  morti in zone di guerra e per la mancanza di accordi, nazionali ed  internazionali, intesi a proteggerli  e ad assicurare un adeguato risarcimento per loro e le loro famiglie nel caso in cui vengano feriti o perdano la vita nell’esercizio delle loro funzioni.


1o settembre 2010
Recommended citation format:
Interpreters in areas of conflict. "Morte di Ataollah Taefik Khalili in Afghanistan". aiic.net August 27, 2010. Accessed August 23, 2019. <http://aiic.net/p/3492>.



There are no comments to display